Giochi con i numeri per bambini e ragazzi: contare è divertente!

Cerchi un’idea per regalare giochi con i numeri divertenti e educativi? Qui troverai dei suggerimenti utilissimi.

La matematica e il gioco: mondi così lontani per qualcuno, eppure così vicini!

La materia dei calcoli può essere un tallone d’Achille per molti studenti, eppure la matematica è utilizzata in moltissimi giochi tradizionali: in quelli di società, ogni volta che c’è bisogno di compiere operazioni per spostare le pedine, oppure in quelli di carte, dove e i giocatori possono prevedere le mosse dell’avversario tramite il calcolo delle probabilità.

Questo stretto rapporto tra matematica e gioco esiste da sempre. Perché non sfruttarlo per imparare qualcosa in più su questa materia e superare quelle difficoltà che la rendono così difficile per molti?

Applicazioni educative, giochi da tavolo, enigmistica matematica: genitori e insegnanti possono sfruttare vari supporti per stimolare i ragazzi ad avvicinarsi dello studio dei numeri con meno timore. Con il gioco, infatti, i bambini riescono a vedere la matematica nonsolo come una materia “da studiare”, e per questo noiosa e astratta, ma come un’abilità. Usando l’aritmetica, la geometria e il calcolo per portare a termine le sfide pratiche che il gioco sottopone loro, i bambini comprendono l’utilità di queste materie e riescono infine anche a padroneggiarle.

Cosa aspetti allora? Dai un’occhiata a questa lista di giochi pensata per aiutare il tuo bambino ad apprezzare la matematica, e trova quello che fa per lui!

La tecnologia in aiuto della matematica

Telefoni e tablet ci accompagnano sempre, in ogni momento della giornata: a scuola, a casa, o durante il tempo libero, esistono tantissime applicazioni o giochi, con i quali possiamo distrarci e divertirci in tanti modi diversi. Anche i bambini sono sempre molto attratti dalla tecnologia, che può quindi essere efficacemente usata come supporto educativo.

Esistono già applicazioni da scaricare su telefoni o computer che sfruttano le caratteristiche dei dispositivi digitali per rendere l’apprendimento più accattivante e i genitori più Smart sicuramente ne conosceranno qualcuna. Ma come si può trasformare un semplice supporto elettronico in un vero strumento hi-tech educativo?

Tablet hi-tech educativo: sicurezza e divertimento per ogni età

Sei alla ricerca di un dispositivo da portare sempre con te per far giocare i tuoi bambini in sicurezza?

Non cercare oltre: la linea di Tablet di Lisciani è la prima linea tecnologica di supporti multimediali pensata per offrire divertimento educativo, qualità elevata dei contenuti e, soprattutto, un ambiente sicuro per i più piccoli che possono imparare in autonomia senza rischiare brutte sorprese.

Questi dispositivi assomigliano in tutto e per tutto ai classici tablet che si possono trovare in un negozio di elettronica:

  • hanno un sistema operativo Android e la possibilità di collegarsi al Google Play Store per scaricare moltissime applicazioni;
  • possono connettersi a Internet;
  • possono anche essere utilizzati per guardare video.

Cosa c’è quindi di speciale in questi tablet? La risposta è nei contenuti, pensati e adattati a bambini che appartengono a varie fasce di età.

Tablet per bambini 3 – 8 anni

  • Mio Tab 7’’ Smart Kid: Con un vasto catalogo di applicazioni dedicate e divise per età, questo tablet è studiato per i bambini in età prescolare. Le applicazioni sono state, infatti, studiate principalmente per l’apprendimento delle conoscenze di base, che vengono riproposte in una veste diversa e più accattivante. Tra i giochi e le app disponibili ce ne sono ben 10 ispirati al metodo Montessori, che stimolano il bambino ad apprendere tramite l’utilizzo dei 5 sensi.
  • Mio Tab 10’’ Tutor XL: Un dispositivo che possiede non uno ma ben due assi nella manica! Oltre ad un display più grande rispetto a Smart Kid, in Mio Tab Tutor XL vive Dotto, un simpatico robot digitale che ha il compito di accompagnare e guidare il bambino attraverso 7 aree didattiche differenti, ognuna con applicazioni dedicate.

Ogni applicazione prevede diverse attività, organizzate secondo un metodo progressivo: in questo modo il bambino potrà allenarsi nei vari giochi educativi con i suoi tempi, senza la frustrazione di compiti troppo difficili o troppo semplici e, soprattutto, divertendosi un mondo!

Dotto è un vero tutor: fa domande al bambino e lo premia per i suoi progressi, fa battute e allegre animazioni. Non ci si stanca mai in sua compagnia e questo lo rende un tutor davvero affidabile! 

Tablet per bambini 6 – 12 anni

  • Mio Tab 7’’ Evolution: con un catalogo di più di 300 applicazioni dedicate, questo tablet offre strumenti per imparare le prime competenze d’italiano, di matematica, e d’inglese, così come giochi e indovinelli per mettere alla prova le proprie conoscenze.
    Mio Tab Evolution permette inoltre di navigare in internet in sicurezza: grazie al Parental Control, i genitori possono filtrare i siti visitabili, proteggendo chi utilizza il tablet da contenuti indesiderati. In questo modo i bambini potranno avere un dispositivo personale e iniziare a sentirsi più indipendenti.
  • Mio Tab 10’’ STEM Coding XL: grazie al suo schermo da 10 pollici e la sua memoria flash da 32GB, Mio Tab STEM Coding XL è un tablet per giocare e per allenare le proprie conoscenze di base ma non solo. Il bambino può divertirsi con le quattro applicazioni educative S.T.E.M., un acronimo che raggruppa tutte le discipline relative a Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica, e, e apprendere le basi della programmazione e del coding, un linguaggio che permette di “comunicare” con i computer. Tramite questo linguaggio, i bambini sono in grado di programmare una serie di comandi che saranno poi riprodotti da simpatici robottini. Un modo alternativo ma accattivante per allenare il pensiero computazionale e la logica, entrato a far parte anche dei programmi scolastici odierni.

La scuola è un gioco da ragazzi!

La scuola è uno dei posti più importanti per la formazione e dell’educazione del bambino, ed è anche il primo luogo in cui scopre le sue inclinazioni e forma la sua personalità.

Anche se da adulti rimpiangiamo spesso gli anni passati in classe, da bambini la scuola non riscuote lo stesso successo: mettersi sui libri a studiare, ripassare le lezioni e fare gli esercizi non sono (quasi) mai tra le attività preferite dai giovani studenti.  

Ma… se esistesse un modo per rendere lo studio più accattivante? Certo, basta giocarci su!

Tabelline e problemini

L’incubo di ogni bambino durante le elementari ha un nome: le tabelline. Prova a chiedere al tuo bambino di ripetere le tabelline del sette, dell’otto o del nove e guarda la sua reazione: se riesci a cogliere un leggero fastidio o timore nel suo sguardo, abbiamo un consiglio per te.

Tabelline e problemini è il gioco Lisciani che ripercorre i programmi della scuola primaria travestendoli da giochi. Durante ogni partita i giocatori dovranno sfidarsi tra di loro risolvendo quiz avvincenti su numeri, tabelline e operazioni aritmetiche. Le domande sono raccolte su carte che presentano vari livelli di difficoltà secondo le diverse età dei giocatori. Questo permette ai bambini di sfidarsi non solo tra coetanei ma anche con ragazzi più grandi o più piccoli.

Come ogni gioco di percorso che si rispetti, lungo il cammino ci sono caselle speciali ricche d’imprevisti che rendono la competizione più avvincente. Chi riuscirà a rispondere al maggior numero di domande e a vincere la sfida?

La matematica (e non solo) in compagnia dei personaggi più amati

Avvicinarsi alla matematica fin dalla più tenera età è un passo importante per permettere al bambino di prendere confidenza con i numeri e con quella che, secondo Galileo Galilei, è la lingua in cui è stato scritto l’universo.  Tramite il gioco, il bambino allena la mente in modo divertente ed efficace.

Quando poi è il suo personaggio preferito a guidarlo attraverso la scoperta di operazioni, calcoli e logica tutto diventa magicamente più bello, più interessante e più divertente. Scommettiamo?

Bing la mia raccolta dei giochi educativi

Bing, Flop, Coco, Sula e tutti i loro amici sono alle prese con i primi numeri e le quantità: a quanti trenini corrisponde il numero 5? E a quanti libri corrisponde il numero 1? Hanno bisogno di aiuto per scoprirlo!

Pensata per i piccoli, a partire dai 2 anni, la raccolta dei giochi di Bing è una vera e propria collezione di attività educative, tutte basate sul mondo del simpatico coniglietto e i suoi amici. Non si parla solo di matematica e numeri ma anche di oggetti, forme e colori.

Ce n’è per tutti i gusti:

  • giochi di associazione, per sviluppare la logica e arricchire il lessico;
  • cerca e trova e il memo, per allenare la concentrazione e la memoria;
  • i puzzle e la torre delle forme, per esercitare la manualità.

e molto altro ancora.

La matematica da toccare: il metodo Montessori

Come diceva Maria Montessori: “Il gioco è il lavoro del bambino”. Il suo famoso metodo dà infatti grande importanza al gioco perché, secondo la pedagoga, è questo il primo momento in cui il bambino fa esperienza attivamente del mondo che lo circonda.

Da qui deriva l’importanza dell’allenamento dei 5 sensi, gli strumenti primari e primordiali di esplorazione del mondo e di conoscenza che il bambino utilizza sin dal primo momento di vita, più o meno consapevolmente…

I sensi, come qualunque altro strumento, possono essere allenati e affinati attraverso la pratica: l’esercizio, infatti, aumenta le connessioni neuronali e ne amplifica la potenza. È come se un computer diventasse più potente e performante man mano che lo si utilizza. E allora perché aspettare? Iniziamo!

Numeriere tattile di Montessori Plus

Studiato per i bambini da tre a sei anni, il Numeriere Tattile è un ottimo strumento per insegnar loro a contare. Come tutti i titoli della linea Montessori, anche questo gioco si basa sull’esperienza sensoriale in prima persona, e si concentra in particolare su tatto e vista.

Prima di iniziare a giocare è innanzitutto necessario montare la speciale scatola tattile Montessori, che dovrà in seguito essere riempita con le sagome e i gettoni presenti nel gioco. Una volta preparata la scatola, è il momento di divertirsi! Il bambino può svolgere due tipi di attività:

  • può pescare alla cieca le sagome dall’interno della scatola e inserirle nella casella corrispondente grazie agli incastri autocorrettivi;
  • può inserire la mano nella scatola e cercare di riconoscere i numeri senza estrarli dalla scatola, ma semplicemente toccandoli, come se fosse al buio!

La matematica e i giochi della tradizione, un legame intramontabile

Moltissimi giochi della tradizione utilizzano la matematica.

Durante i giochi di percorso o quelli di carte, per esempio, i giocatori fanno sempre ricorso ad addizioni o sottrazioni per sommare i punteggi o per capire dove spostare la pedina. Sono operazioni che facciamo in automatico, anche inconsciamente, ma si tratta pur sempre di matematica!

Scopetta e Briscoletta

Scopa e Briscola sono due dei giochi di carte più famosi, protagonisti di moltissime feste in famiglia, ed ora anche i bambini possono conoscere questa tradizione.

In questa simpatica versione adatta anche ai giocatori in erba dai tre anni in su, le regole del gioco sono sempre le stesse, ma i quattro classici semi delle carte sono stati sostituiti da leoni, procioni, orsi ed elefanti e non ci sono più fanti e cavalieri ma astronauti e pirati.

Fate bene attenzione a contare i punteggi e le carte: una singola presa potrebbe essere quello che serve per ribaltare la partita!

Bing Super Game

Il gioco dell’oca + Bing e i suoi amici = Un gioco senza tempo per grandi e piccini. Questa sì che è un’operazione di matematica divertente!

In questo gioco di percorso, adatto ai bambini da tre anni in su, l’obiettivo è aiutare il simpatico coniglietto e i suoi compagni d’avventure a raggiungere la casella d’arrivo. Per fare ciò basterà girare lo spinner e sommare il punteggio ottenuto al numero della casella in cui ci si trova. Attenzione però: sul percorso si nascondono caselle speciali che potranno influire sull’esito della partita. Chi sarà il primo a tagliare il traguardo?

La matematica per tutti

Giochi da tavolo, giochi di carte, giochi elettronici e giochi tattili: apprezzare la matematica non è mai stato così facile con tutte queste proposte educative. Ogni età affronta le sfide imposte da questa materia così importante in modo diverso, per questo esistono tante tipologie di attività che si adattano a tutte le esigenze del bambino.

Per aiutarti a navigare in questo mare di numeri e di giochi, in quest’articolo abbiamo presentato un elenco di titoli studiati per bambini di varie fasce di età:

GIOCHI PER BAMBINI DAI 2 A 6 ANNI

GIOCHI PER BAMBINI DAI 5 AI 12 ANNI


Condividi articolo

Condividi articolo

Ultimi articoli

Attiva qui il
Serve aiuto per attivare il "Mio Tab"?

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie esclusive, nuovi arrivi e articoli del blog. Iscriviti e riceverai il 10% di sconto sul tuo primo acquisto

[sibwp_form id=2]